Radiologia interventistica

Descrizione:

Dipartimento: Cardiocerebrovascolare

La Radiologia Interventistica è una branca superspecialistica della radiologia che si occupa della gestione “mini-invasiva” di problematiche cliniche sia in elezione che in urgenza. Gli interventi vengono eseguiti in sala angiografica mediante guida fluoroscopica (angiografo digitale di ultima generazione) e in alcuni casi con il supporto della tomografia computerizzata (TC) e della ecografica. 
La radiologia interventistica si è affiancata alle tecniche di chirurgia tradizionale per alcune procedure, sostituendosi o integrandosi ad esse. 
Alcune delle caratteristiche che la contraddistinguono sono: 

  • Nella maggior parte delle volte è richiesta solo l’anestesia locale; 
  • I tempi di ricovero sono estremamente brevi e in alcuni casi può essere effettuata anche in day hospital 
  • Le procedure sono eseguite per via percutanea, sfruttando alcune “strade naturali” già presenti nel corpo umano quali ad esempio arterie o vene, senza necessità di incisioni chirurgiche; si raggiunge il bersaglio da trattare con cateteri e dispositivi di piccolissime dimensioni con i quali è possibile effettuare dilatazioni (angioplastica) in caso di ostruzioni arteriosa o blocco di flusso (embolizzazione) in caso di emorragie. 

Possono essere trattati anche pazienti non operabili per problematiche anestesiologiche e che, per la loro condizione medica, non sono candidati ad interventi chirurgici più invasivi.

Attività qualificanti vascolari (in collaborazione con U.O. di Chirurgia Vascolare):

  • Trattamento endovascolare dell'Arteriopatia Obliterante Cronica Periferica (AOCP) mediante angioplastica (PTA), stent e endo-aterectomia 
  • Ischemia acuta d'arto e trattamento del piede diabetico 
  • Posizionamento di filtri cavali e trombectomia meccanica in embolia polmonare 
  • Embolizzazioni aneurismi viscerali (splenici, renali, mesenterici, etc…) 
  • Trattamento di endoleak 
  • Ischemia mesenterica acuta e cronica 
  • Trattamento stenosi viscerali con e senza impianto di stent (renale, mesenterica) 
  • Malformazioni artero venose (MAV)Oncologiche Chemioembolizzazione trans arteriorsa (TACE) di tumori epatici primitivi e metastatici 
  • Drenaggi biliari percutanei e posizionamento stent biliari 
  • Posizionamento e revisione di Port-a-Cath e Groshong per trattamenti chemioterapici e/o terapie infusive centrali 
  • Biopsie eco o TC guidateNeurologiche e spinali Trattamento endovascolare dei tronchi sovraortici 
  • Vertebro e cifoplastica 
  • Panangiografie cerebrali
  • Gestione dell'accesso vascolare dialitico
  •  Posizionamento e revisione di cateteri da dialisi 
  • Salvataggio endovascolare delle Fistole artero-venose (FAV) dialitiche con trombectomia/trombolisi
  • Angioplastica e stent 
  • Trattamento stenosi venose centrali (PTA, stent)

Attività qualificanti urologiche:

  • Trattamento endovascolare del varicocele maschile e femminile 
  • Embolizzazione prostatica Urgenza/ Emergenza h 24
  • Embolizzazioni di sanguinamenti post traumatici o iatrogeni (“procedure salva vita)

Coordinatore

PAOLO VALDAMERI

0373 280255

0373 280850

FAX: 0373 280246

angiografia@asst-crema

 

Direttore

Dott. Angelo Spinazzola

 

Staff

RICCARDO FOA'

GIOVANNI LEATI (Specializzando) 

Personale infermieristico dedicato 

TSRM dedicati
 

 

Radiologia interventistica

Piano 1 | Monoblocco Ospedaliero

Largo Ugo Dossena 2 Crema (CR)

OSPEDALE MAGGIORE di Crema

Reparti

- dal lunedì al sabato 19.15 > 20.15

- mercoledì e sabato anche 15.00 > 16.00

- domenica e festivi 11.00 > 12.00 e 15.00 > 18.00

Rianimazione

- tutti i giorni 11.00 > 23.00

Camera Mortuaria

- tutti i giorni 8.00 > 18.00

 

OSPEDALE SANTA MARTA di Rivolta d'Adda

- dal lunedì al sabato 19.00 > 20.00

- lunedì, mercoledì, venerdì e sabato anche 12.30 > 13.30

- domenica e festivi 10.00 > 11.00 e 15.00 > 17.00

 

PRESIDIO DI SONCINO Centro di cure Sub Acute

- tutti i giorni 9.00 > 11.30, 13.00 > 15.00 e 19.00 > 21.30


La presenza costante di un solo familiare o di una persona cara accanto al paziente ricoverato è possibile nei seguenti casi:

- per i degenti di età inferiore ai 14 anni: il genitore/accompagnatore può usufruire gratuitamente del pernottamento e può richiedere un pasto a pagamento

- a seguito di eventi quali un intervento chirurgico: facendo richiesta di autorizzazione al coordinatore infermieristico del reparto (capo sala) e al fine di tranquillizzare e aiutare il degente

- ai familiari di persone di età superiore ai 65 anni è permesso trattenersi oltre l’orario di visita come previsto dalla Legge Regionale 4/92.