Chirurgia Generale

Descrizione:

Dipartimento: Scienze Chirurgiche

L’attività dell’U.O. di Chirurgia Generale si rivolge soprattutto alla cura delle malattie dell’apparato digerente: del fegato, della colecisti e delle vie biliari, con un particolare riguardo per la patologia oncologica.

Dispone degli strumenti più avanzati per la chirurgia mini-invasiva addominale e toracica. Altri campi di particolare interesse e di sviluppo sono:

  • la Chirurgia toracica: Pneumotorace, Traumi, Empiema, diagnostica VATS.
  • la Colon-proctologia e la chirurgia del pavimento pelvico
  • la Chirurgia delle ernie e dei laparoceli: sia con tecnica mininvasiva che open
  • il Centro di Senologia (Brest Unit) per la diagnosi e la cura dei tumori del seno in stretta collaborazione Multidisciplinare con la U.O. di Anatomia Patologica, U.O. di Radiologia, e l'U.O. di Oncologia.

Si caratterizza per standard di qualità ottimali nella chirurgia laparoscopica della colecisti stabiliti dal Piano Nazionale Esiti del Ministero della Salute.

Afferiscono alla UO le seguenti strutture semplici:

  • S.S. Chirurgia d’urgenza
  • S.S. Colonproctologia
  • S.S. Senologia

Reti di Patologia
La UOC fa parte della Rete Oncologica in particolare per la applicazione del PDTA del tumore del colon-retto e per il PDTA del tumore della mammella.


Coordinatore

Rosa LEGRENZI

 

0373 2801

chirurgia@asst-crema.it

 

Direttore

f.f. MARCO MONTI | 

Staff Medico

Roberto BASSI | Dirigente Medico S.S. Colonproctologia

Stefano BELTRAMI

Filiberto FAYER | Dirigente Medico S.S. Senologia

Silvia FRASSINI

Italo GALLI

Domenico GIULIANI

Alberto LONGO

Gianattilio PUERARI | Dirigente Medico  IPAS Chirurgia mininvasiva

Marco MONTI | Dirigente Medico S.S. Chirurgia d’Urgenza | IPAS Chirurgia toracica

Agostino SAVOIA

Edoardo SEGALINI

 

 

Chirurgia Generale

Piano 1 | Monoblocco Ospedaliero

Largo Ugo Dossena, 2 Crema (CR)

Dipartimento: Scienze Chirurgiche

L’attività dell’U.O. di Chirurgia Generale si rivolge soprattutto alla cura delle malattie dell’apparato digerente: del fegato, della colecisti e delle vie biliari, con un particolare riguardo per la patologia oncologica.

Dispone degli strumenti più avanzati per la chirurgia mini-invasiva addominale e toracica. Altri campi di particolare interesse e di sviluppo sono:

  • la Chirurgia toracica: Pneumotorace, Traumi, Empiema, diagnostica VATS.
  • la Colon-proctologia e la chirurgia del pavimento pelvico
  • la Chirurgia delle ernie e dei laparoceli: sia con tecnica mininvasiva che open
  • il Centro di Senologia (Brest Unit) per la diagnosi e la cura dei tumori del seno in stretta collaborazione Multidisciplinare con la U.O. di Anatomia Patologica, U.O. di Radiologia, e l'U.O. di Oncologia.

Si caratterizza per standard di qualità ottimali nella chirurgia laparoscopica della colecisti stabiliti dal Piano Nazionale Esiti del Ministero della Salute.

Afferiscono alla UO le seguenti strutture semplici:

  • S.S. Chirurgia d’urgenza
  • S.S. Colonproctologia
  • S.S. Senologia

Reti di Patologia
La UOC fa parte della Rete Oncologica in particolare per la applicazione del PDTA del tumore del colon-retto e per il PDTA del tumore della mammella.


Coordinatore

Rosa LEGRENZI

 

0373 2801

chirurgia@asst-crema.it

 

Direttore

f.f. MARCO MONTI | 

Staff Medico

Roberto BASSI | Dirigente Medico S.S. Colonproctologia

Stefano BELTRAMI

Filiberto FAYER | Dirigente Medico S.S. Senologia

Silvia FRASSINI

Italo GALLI

Domenico GIULIANI

Alberto LONGO

Gianattilio PUERARI | Dirigente Medico  IPAS Chirurgia mininvasiva

Marco MONTI | Dirigente Medico S.S. Chirurgia d’Urgenza | IPAS Chirurgia toracica

Agostino SAVOIA

Edoardo SEGALINI

 

 

VISITA AI DEGENTI IN REPARTO: NUOVE REGOLE DAL 11 MARZO 2022

Per garantire l'accesso ai familiari in sicurezza, la visita ai propri cari per motivi di assistenza e conforto (in particolare per condizioni specifiche del degente o di particolare gravità-fragilità, anziano non autosufficiente, aggravamento delle condizioni cliniche, pre-post intervento, lungodegente, disabile, minore, gravida, partoriente) è consentita solo alle persone in possesso di

  • Green pass rafforzato: certificazione verde Covid-19, ottenuta con la terza dose (“booster”)

oppure

  • Green pass base, ottenuto da guarigione o con la conclusione del ciclo vaccinale primario (due dosi) insieme all’esito negativo di un tampone antigenico rapido o molecolare eseguito nelle 48 ore precedenti.

Si ricorda che, in caso di sintomatologia Covid-19 (febbre, tosse, raffreddore, mal di gola, ecc) e/o ‘contatto stretto’ negli ultimi 14 giorni con una persona con diagnosi sospetta/confermata di Covid-19, anche se in possesso di regolare Green Pass, il visitatore non potrà accedere alle strutture.

VISITATORI

Per accedere ai reparti di degenza, il visitatore deve recarsi agli ingressi delle strutture ospedaliere di Crema, Rivolta d’Adda e Soncino, ove verrà effettuata:

  • la verifica del Green Pass
  • la rilevazione della temperatura
  • la consegna del braccialetto quale ‘autorizzazione’ a recarsi in reparto (per i soli presidi di Crema e Rivolta d’Adda)

ORARI VISITA

La visita ai degenti è consentita tutti i giorni dalle 15:30 alle 16:30 ad un solo visitatore per paziente, per il tempo più breve possibile e non oltre i 45 minuti, salvo diversa indicazione del reparto. Nelle camere a più letti la presenza massima è di due visitatori contemporaneamente. Si chiede ai visitatori la massima collaborazione per garantire l'accesso in sicurezza e la rotazione dei familiari all'interno delle camere, al fine di prevenire la diffusione del virus.

Le visite ai pazienti del reparto di Oncologia ed in presenza di pazienti in condizioni di immunosopressione/immunodepressione, sono regolate dal reparto di degenza ed al massimo è permesso l’accesso ad un solo visitatore per stanza.

Si raccomanda sempre di:

  • Indossare correttamente la mascherina FFP2
  • Igienizzarsi le mani
  • Mantenere la distanza di almeno 1 metro dalle altre persone.

Non è attualmente consentita la visita ai degenti ricoverati presso i reparti Covid, salvo in specifiche condizioni di particolare gravità-fragilità, aggravamento di condizioni cliniche, fine vita, disabile, minore.