Chirurgia vascolare

Descrizione:

Dipartimento: Cardio-cerebro-vascolare

La Struttura complessa di Chirurga Vascolare, afferente al Dipartimento Cardio-Cerebro- Vascolare si occupa di tutte le patologie vascolari arteriose( arteriopatie arti inferiori, aneurismi, stenosi carotidee e succlavie) e venose ( varici, trombosi venose), ad esclusione del distretto cardiaco e dell’arco aortico, applicando le più moderne tecniche chirurgiche open ed endovascolari .

La diagnostica con Ecocolordoppler è particolarmente sviluppata.

Ampio spazio è dato alla attività ambulatoriale nel trattamento delle lesioni tramite ambulatorio dedicato alla vulnologia ed al piede diabetico.

Attività qualificanti:

  • TRATTAMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO DELLE ARTERIOPATIE
  • OBLITERANTI, caratterizzate da restringimenti( stenosi, ostruzioni) dei vari distretti(arterie viscerali e renali; aorta addominale ; assi iliaci; arterie femorali e periferiche anche in casi avanzati con gangrena delle dita dei piedi per salvataggio d’arto) viene trattato con rivascolarizzazioni chirurgiche open tramite by pass o innesti di materiale protesico e/o biologico sino all’utilizzo di segmenti vascolari da donatore (homograft) equiparabile ad un trapianto vascolare.
  •     TRATTAMENTO DEGLI ANEURISMI (dilatazioni) dell’aorta addominale e vasi iliaci, dell’aorta toracica discendente, delle arterie viscerali( mesenterica, splenica, renale e tripode celiaco) e degli aneurismi periferici ( femorali, poplitei) viene eseguito con tecnica open mediante innesti protesici

La CHIRURGIA ENDOVASCOLARE, importante componente del bagaglio del chirurgo vascolare permetterà, quando indicato, il trattamento in anestesia locoregionale, mediante accessi mini invasivi , attraverso una arteria periferica( solitamente l’arteria femorale , meno frequentemente l’arteria omerale) , di aneurismi dell’aorta addominale e toracica discendente; di stenosi carotidee; di arteriopatie obliteranti di vari distretti degli arti inferiori. L'attività endovascolare è eseguita in collaborazione con la Radiologia interventistica.

Non dobbiamo comunque dimenticare il trattamento dei disturbi venosi degli arti inferiori, disturbi molto frequenti anche nei giovani, trattati con tecnica tradizionale mediante stripping o con metodica mini invasiva mediante tecnica di radiofrequenza.

Dispone di n° 8 letti in degenza ordinaria e di letti nella U.O. di Day Surgery multidisciplinare.

Esegue attività anche nel regime di MAC (Macroattività ambulatoriale Complessa).


Direttore

Dott. Luca BOCCALON
    

Staff

Pierangelo BERTICELLI

Domenico DIACO

Riccardo PELLEGRINO

Rosa ROSSINI

Monica ROTA


Coordinatore

Leonella CAZZAMALI

 

0373 280258 |  Fax 0373-280131


 

Chirurgia vascolare

Piano 3° | Monoblocco ospedaliero

Largo Ugo Dossena, 2 Crema (CR)

Dipartimento: Cardio-cerebro-vascolare

La Struttura complessa di Chirurga Vascolare, afferente al Dipartimento Cardio-Cerebro- Vascolare si occupa di tutte le patologie vascolari arteriose( arteriopatie arti inferiori, aneurismi, stenosi carotidee e succlavie) e venose ( varici, trombosi venose), ad esclusione del distretto cardiaco e dell’arco aortico, applicando le più moderne tecniche chirurgiche open ed endovascolari .

La diagnostica con Ecocolordoppler è particolarmente sviluppata.

Ampio spazio è dato alla attività ambulatoriale nel trattamento delle lesioni tramite ambulatorio dedicato alla vulnologia ed al piede diabetico.

Attività qualificanti:

  • TRATTAMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO DELLE ARTERIOPATIE
  • OBLITERANTI, caratterizzate da restringimenti( stenosi, ostruzioni) dei vari distretti(arterie viscerali e renali; aorta addominale ; assi iliaci; arterie femorali e periferiche anche in casi avanzati con gangrena delle dita dei piedi per salvataggio d’arto) viene trattato con rivascolarizzazioni chirurgiche open tramite by pass o innesti di materiale protesico e/o biologico sino all’utilizzo di segmenti vascolari da donatore (homograft) equiparabile ad un trapianto vascolare.
  •     TRATTAMENTO DEGLI ANEURISMI (dilatazioni) dell’aorta addominale e vasi iliaci, dell’aorta toracica discendente, delle arterie viscerali( mesenterica, splenica, renale e tripode celiaco) e degli aneurismi periferici ( femorali, poplitei) viene eseguito con tecnica open mediante innesti protesici

La CHIRURGIA ENDOVASCOLARE, importante componente del bagaglio del chirurgo vascolare permetterà, quando indicato, il trattamento in anestesia locoregionale, mediante accessi mini invasivi , attraverso una arteria periferica( solitamente l’arteria femorale , meno frequentemente l’arteria omerale) , di aneurismi dell’aorta addominale e toracica discendente; di stenosi carotidee; di arteriopatie obliteranti di vari distretti degli arti inferiori. L'attività endovascolare è eseguita in collaborazione con la Radiologia interventistica.

Non dobbiamo comunque dimenticare il trattamento dei disturbi venosi degli arti inferiori, disturbi molto frequenti anche nei giovani, trattati con tecnica tradizionale mediante stripping o con metodica mini invasiva mediante tecnica di radiofrequenza.

Dispone di n° 8 letti in degenza ordinaria e di letti nella U.O. di Day Surgery multidisciplinare.

Esegue attività anche nel regime di MAC (Macroattività ambulatoriale Complessa).


Direttore

Dott. Luca BOCCALON
    

Staff

Pierangelo BERTICELLI

Domenico DIACO

Riccardo PELLEGRINO

Rosa ROSSINI

Monica ROTA


Coordinatore

Leonella CAZZAMALI

 

0373 280258 |  Fax 0373-280131


 

TELEFONO

0373 280281 | 0373 280411 | Fax 0373 280131

MAIL

chirurgia.vascolare@asst-crema.it

VISITA AI DEGENTI IN REPARTO: NUOVE REGOLE DAL 11 MARZO 2022

Per garantire l'accesso ai familiari in sicurezza, la visita ai propri cari per motivi di assistenza e conforto (in particolare per condizioni specifiche del degente o di particolare gravità-fragilità, anziano non autosufficiente, aggravamento delle condizioni cliniche, pre-post intervento, lungodegente, disabile, minore, gravida, partoriente) è consentita solo alle persone in possesso di

  • Green pass rafforzato: certificazione verde Covid-19, ottenuta con la terza dose (“booster”)

oppure

  • Green pass base, ottenuto da guarigione o con la conclusione del ciclo vaccinale primario (due dosi) insieme all’esito negativo di un tampone antigenico rapido o molecolare eseguito nelle 48 ore precedenti.

Si ricorda che, in caso di sintomatologia Covid-19 (febbre, tosse, raffreddore, mal di gola, ecc) e/o ‘contatto stretto’ negli ultimi 14 giorni con una persona con diagnosi sospetta/confermata di Covid-19, anche se in possesso di regolare Green Pass, il visitatore non potrà accedere alle strutture.

VISITATORI

Per accedere ai reparti di degenza, il visitatore deve recarsi agli ingressi delle strutture ospedaliere di Crema, Rivolta d’Adda e Soncino, ove verrà effettuata:

  • la verifica del Green Pass
  • la rilevazione della temperatura
  • la consegna del braccialetto quale ‘autorizzazione’ a recarsi in reparto (per i soli presidi di Crema e Rivolta d’Adda)

ORARI VISITA

La visita ai degenti è consentita tutti i giorni dalle 15:30 alle 16:30 ad un solo visitatore per paziente, per il tempo più breve possibile e non oltre i 45 minuti, salvo diversa indicazione del reparto. Nelle camere a più letti la presenza massima è di due visitatori contemporaneamente. Si chiede ai visitatori la massima collaborazione per garantire l'accesso in sicurezza e la rotazione dei familiari all'interno delle camere, al fine di prevenire la diffusione del virus.

Le visite ai pazienti del reparto di Oncologia ed in presenza di pazienti in condizioni di immunosopressione/immunodepressione, sono regolate dal reparto di degenza ed al massimo è permesso l’accesso ad un solo visitatore per stanza.

Si raccomanda sempre di:

  • Indossare correttamente la mascherina FFP2
  • Igienizzarsi le mani
  • Mantenere la distanza di almeno 1 metro dalle altre persone.

Non è attualmente consentita la visita ai degenti ricoverati presso i reparti Covid, salvo in specifiche condizioni di particolare gravità-fragilità, aggravamento di condizioni cliniche, fine vita, disabile, minore.