Riabilitazione Specialistica 3 - Neuromotoria

Descrizione:

Dipartimento: Prevenzione e Scienze Riabilitative

La struttura, che è dotata di n. 20 posti letto e n. 2 letti MAC, segue il paziente dalla fase acuta (presso le unità operative per acuti) fino al trasferimento presso la degenza di Rivolta d’Adda, per la successiva dimissione (protetta) a domicilio o presso altre Strutture territoriali.

Per ogni paziente è predisposto il Progetto Riabilitativo Individuale ed il programma riabilitativo individuale all’interno dei quali sono declinati obiettivi, tempi e strumenti di realizzazione dell’intervento, che viene poi realizzato da un’équipe multi professionale. Verifica ed integrazione sono in funzione dell’evoluzione del quadro clinico e sociale del paziente.

Il ricovero presso il reparto di Rivolta d’Adda è riservato a pazienti nell’immediata fase post acuta della malattia, conseguente ad un evento indice neurologico (ictus o emorragia cerebrale, o peggioramento in malattie degenerative come la Sclerosi Multipla; Sclerosi Laterale Amiotrofica; Morbo di Parkinson ecc.) od Ortopediche ( interventi sulle articolazioni maggiori come anca e ginocchio).

I pazienti ambulatoriali accedono alle prestazioni fisioterapiche previa visita fisiatrica. All’interno dell’ U.O è garantito anche un percorso diagnostico completo con:

  • ambulatori di neurofisiologia ( EMG; potenziali evocati) e con terapie innovative (tossina botulinica + utilizzo di apparecchiature computerizzate per l’equilibrio e la deambulazione e per il recupero dell’arto sup.);
  • ambulatorio di 2° livello per le malattie metaboliche dell’osso, con la prescrizione di farmaci innovativi richiedenti piani terapeutici specialistici.

I pazienti sia degenti in dimissione protetta che ambulatoriali, possono usufruire di prescrizioni di ausilii e protesi individualizzati.

Afferiscono alla UO le seguenti strutture semplici:

  • SRRF (Servizio di Recupero-Rieducazione Funzionale) con sedi a Crema, Rivolta d’Adda, Castelleone.

Direttore  

Dott. Stefano FARINA

 

Coordinatore

lorinda STREPAROLA | T. 0363 3780307 | Servizio Recupero Rieducazione Funzionale Rivolta d’Adda

Luca AROMATICO FANTONI | T. 0373 280.382 | Servizio Recupero Rieducazione Funzionale Crema

   
Staff MEDICO

Stefano FARINA Dirigente Medico S.S. SRRF

Luigi MEMELLI Dirigente Medico IPAS Riabilitazione Ortopedica

xxx xxx     Dirigente Medico IPAS Riabilitazione Neuromotoria (in attesa di assegnazione)

Riabilitazione Specialistica 3 - Neuromotoria

Piano 1 | Presidio Ospedaliero "Santa Marta"

Via Montegrappa 15 Rivolta d'Adda (CR)

Dipartimento: Prevenzione e Scienze Riabilitative

La struttura, che è dotata di n. 20 posti letto e n. 2 letti MAC, segue il paziente dalla fase acuta (presso le unità operative per acuti) fino al trasferimento presso la degenza di Rivolta d’Adda, per la successiva dimissione (protetta) a domicilio o presso altre Strutture territoriali.

Per ogni paziente è predisposto il Progetto Riabilitativo Individuale ed il programma riabilitativo individuale all’interno dei quali sono declinati obiettivi, tempi e strumenti di realizzazione dell’intervento, che viene poi realizzato da un’équipe multi professionale. Verifica ed integrazione sono in funzione dell’evoluzione del quadro clinico e sociale del paziente.

Il ricovero presso il reparto di Rivolta d’Adda è riservato a pazienti nell’immediata fase post acuta della malattia, conseguente ad un evento indice neurologico (ictus o emorragia cerebrale, o peggioramento in malattie degenerative come la Sclerosi Multipla; Sclerosi Laterale Amiotrofica; Morbo di Parkinson ecc.) od Ortopediche ( interventi sulle articolazioni maggiori come anca e ginocchio).

I pazienti ambulatoriali accedono alle prestazioni fisioterapiche previa visita fisiatrica. All’interno dell’ U.O è garantito anche un percorso diagnostico completo con:

  • ambulatori di neurofisiologia ( EMG; potenziali evocati) e con terapie innovative (tossina botulinica + utilizzo di apparecchiature computerizzate per l’equilibrio e la deambulazione e per il recupero dell’arto sup.);
  • ambulatorio di 2° livello per le malattie metaboliche dell’osso, con la prescrizione di farmaci innovativi richiedenti piani terapeutici specialistici.

I pazienti sia degenti in dimissione protetta che ambulatoriali, possono usufruire di prescrizioni di ausilii e protesi individualizzati.

Afferiscono alla UO le seguenti strutture semplici:

  • SRRF (Servizio di Recupero-Rieducazione Funzionale) con sedi a Crema, Rivolta d’Adda, Castelleone.

Direttore  

Dott. Stefano FARINA

 

Coordinatore

lorinda STREPAROLA | T. 0363 3780307 | Servizio Recupero Rieducazione Funzionale Rivolta d’Adda

Luca AROMATICO FANTONI | T. 0373 280.382 | Servizio Recupero Rieducazione Funzionale Crema

   
Staff MEDICO

Stefano FARINA Dirigente Medico S.S. SRRF

Luigi MEMELLI Dirigente Medico IPAS Riabilitazione Ortopedica

xxx xxx     Dirigente Medico IPAS Riabilitazione Neuromotoria (in attesa di assegnazione)

CAUSA EMERGENZA COVID AL MOMENTO LE VSIITE SONO SOSPESE SE NON IN CASI ECCEZIONALI E CONCORDATI CON I COORDINATORI DI REPARTO

OSPEDALE MAGGIORE di Crema

Reparti

- dal lunedì al sabato 19.15 > 20.15

- mercoledì e sabato anche 15.00 > 16.00

- domenica e festivi 11.00 > 12.00 e 15.00 > 18.00

Rianimazione

- tutti i giorni 11.00 > 23.00

Camera Mortuaria

- tutti i giorni 8.00 > 18.00

 

OSPEDALE SANTA MARTA di Rivolta d'Adda

- dal lunedì al sabato 19.00 > 20.00

- lunedì, mercoledì, venerdì e sabato anche 12.30 > 13.30

- domenica e festivi 10.00 > 11.00 e 15.00 > 17.00

 

PRESIDIO DI SONCINO Centro di cure Sub Acute

- tutti i giorni 9.00 > 11.30, 13.00 > 15.00 e 19.00 > 21.30


La presenza costante di un solo familiare o di una persona cara accanto al paziente ricoverato è possibile nei seguenti casi:

- per i degenti di età inferiore ai 14 anni: il genitore/accompagnatore può usufruire gratuitamente del pernottamento e può richiedere un pasto a pagamento

- a seguito di eventi quali un intervento chirurgico: facendo richiesta di autorizzazione al coordinatore infermieristico del reparto (capo sala) e al fine di tranquillizzare e aiutare il degente

- ai familiari di persone di età superiore ai 65 anni è permesso trattenersi oltre l’orario di visita come previsto dalla Legge Regionale 4/92.