Attività MINORI

Bambini e adolescenti e i loro familiari possono accedere a diverse prestazioni psicologiche che vengono erogate presso la Neuropsichiatria Infantile, il Consultorio Familiare, il Servizio per le Dipendenze. Nel corso delle attività di consulenza, valutazione psicologica o trattamento è sempre richiesto il coinvolgimento dei genitori. Presso la Neuropsichiatria Infantile possono essre accolte situazioni di minorenni che presentano Disturbi dello spettro autistico, Disturbi del linguaggio e dell'apprendimento, Disabilità cognitive, Patologie neurologiche e neuromotorie, Disturbi emotivi e comportamentali, ADHD. Presso il Consultorio Familiare possono essere accolte situazioni di minorenni e genitori interessati da un disagio psicologico individuale o familiare, supporto evolutivo nell'adolescenza, contraccezione o interruzione di gravidanza, maltrattamento o abuso sessuale, provvedimenti di tutela del Tribunale dei Minori o Ordinario, percorsi di continuità assistenziale per persone fragili o disabili. Presso il SerD e la Riabilitazione delle Dipendenze possono essere accolte situazioni di consumo di sostanze illecite, abuso di alcol, gioco d'azzardo.

L'Ambulatorio di “Accompagnamento alla Crescita” è attivo quindicinalmente il martedì dalle ore 9 alle 12 presso il Servizio di Neuropsichiatria della Infanzia e Adolescenza (UONPIA).

  • Sede erogativa

UONPIA Unità Operativa di Neuropsichiatria della Infanzia e Adolescenza

Via Sinigaglia 10, Crema (CR) | Tel. 0373257833

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 16:30

  • Modalità di accesso

L'ambulatorio è rivolto a genitori e bambini di età compresa tra 0 e 6 anni con problematiche di tipo comportamentale (per es. iperattività, aggressività, difficoltà nelle relazioni, difficoltà nel raggiungimento delle autonomie di sviluppo).

Per accedere all’Ambulatorio è necessario che il genitore si presenti alla UONPIA con impegnativa del Pediatra di base riportante la seguente dicitura “Colloquio psicologico nei disturbi dello sviluppo neuropsichico”.

Non è previsto ticket per questa fascia d'età.

  • Il Percorso

I genitori, dopo aver effettuato la prima visita con il Neuropsichiatra infantile, fissano sempre alla UONPIA un appuntamento con lo Psicologo nello spazio dedicato all'ambulatorio “Accompagnamento alla crescita”. Nel corso dell'incontro - previo consenso firmato di entrambi i genitori - viene svolta una videoripresa dell'interazione mamma-bambino e papà-bambino.

Tale osservazione è prevista in una stanza adibita con giochi specifici secondo il Modello NVA. La registrazione prevede 5 minuti di gioco con il bambino senza la presenza dell'operatore in stanza. Successivamente, mentre il bambino “gioca” con la psicomotricista che osserva gli aspetti di motricità e di sviluppo, la psicologa svolge un colloquio psicologico con i genitori (analisi della problematica riferita dai genitori, ricapitolazione delle prime tappe di sviluppo). Se il genitore lo ritiene opportuno, può richiedere un colloquio psicologico in assenza del bambino. All'interno dell'Ambulatorio, vengono effettuate valutazioni psicologiche dello sviluppo: funzioni cognitive, attenzione, memoria, linguaggio, temperamento e autonomie.

Al termine del percorso è previsto un colloquio con i genitori di restituzione delle valutazioni effettuate e delle osservazioni emerse. Sulla base di queste indicazioni verrà quindi proposto il percorso più adatto:

  • sostegno alla genitorialità attraverso colloqui psicologici individuali e/o alla coppia genitoriale
  • monitoraggio clinico del bambino
  • Psicologi:

Desirèe Manini, Marco Tadini, Silvia Zaghen

  • Sede erogativa

UONPIA Unità Operativa di Neuropsichiatria della Infanzia e Adolescenza

Via Sinigaglia 10, Crema (CR) | Tel. 0373257833

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 16:30

  • Modalità di accesso

La attività di Psicologia Scolastica è rivolta a bambini ed adolescenti con difficoltà scolastiche. L'accesso è diretto, con richiesta da parte del genitore, talvolta su suggerimento dagli insegnanti. Il genitore deve chiedere al Medico di medicina generale o al Pediatra di libera scelta due impegnative: una per “Prima visita NPI” con quesito diagnostico “difficoltà scolastiche”; l'altra per “Colloquio psicologico clinico nei disturbi neuropsichiatrici” con quesito diagnostico “difficoltà scolastiche”.

Con le impegnative è possibile fissare gli appuntamenti presso il CUP della UONPIA in via Sinigaglia n.10: l'operatore fornirà ai genitori l'elenco dei documenti con i quali presentarsi ai colloqui.

  • Il Percorso

Lo psicologo effettua il primo colloquio conoscitivo di consulenza volto a raccogliere informazioni rilevanti sulla storia clinica del paziente. Questa fase aiuta a identificare l’eventuale problema e fornisce un primo orientamento per impostare la fase di valutazione diagnostica. L’utente e la famiglia vengono messi a conoscenza dell'iter diagnostico che prevede la somministrazione di test cognitivi, prove di apprendimento e test neuropsicologici. Il numero di incontri può variare da quattro a sette in base alle capacità attentive o difficoltà riscontrate o eventuali approfondimenti diagnostici indicati. A conclusione del percorso diagnostico, la documentazione clinica con profilo funzionale viene consegnata alla famiglia nel corso di un colloquio di restituzione finale in cui si offrono indicazioni e/o si propone una presa in carico successiva qualora se ne sia rilevato il bisogno.

  • Psicologi

Adami Nicole Anna, Bozzetti Chiara, Fusari Alessia, Desirèe Manini, Stefania Spaggiari, Silvia Zaghen

Inquadramento diagnostico e successiva presa in carico di bambini/adolescenti con disturbi dello spettro autistico. La UONPIA è un servizio che si occupa ambulatorialmente della prevenzione, diagnosi e cura dei disturbi neuropsichici e psicologici in età evolutiva (0-18 anni). Lo Psicologo vi opera in Equipe multidisciplinari che lavorano in modo integrato.

  • Sede erogativa

UONPIA Unità Operativa di Neuropsichiatria della Infanzia e Adolescenza

Via Sinigaglia 10, Crema (CR) | Tel. 0373257833

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 16:30

  • Modalità di accesso

Il servizio può riguardare sia bambini di età prescolare o scolare che presentano un ritardo e/o anomalie nello sviluppo del linguaggio associato a generali difficoltà di relazione e di adattamento ai vari contesti di vita, sia preadolescenti/adolescenti con marcate difficoltà di socializzazione e aspetti di ritiro associate a difficoltà comportamentali meritevoli di approfondimento diagnostico. L'accesso al servizio avviene tramite presentazione della impegnativa del Pediatra o Medico di base. Le richieste possono essere fatte dal genitore presentandosi direttamente alla UONPIA oppure telefonando negli orari di apertura, richiedendo una consulenza o l’avvio di un iter diagnostico multidisciplinare. E’ necessario il consenso di entrambi gli esercenti la responsabilità genitoriale. Le prestazioni sono esenti da ticket sino ai 18 anni di età.

  • Il Percorso di presa in carico

La gestione di casi di bambini/adolescenti appartenenti ai disturbi dello spettro autistico prevede sempre la presenza di più professionisti (neuropsichiatra e psicologo) che lavorano in stretta connessione tra loro. Nell'iter valutativo sono coinvolte anche figure riabilitative specifiche, quali la logopedista e la psicomotricista. Nel percorso di valutazione, così come con la successiva presa in carico, sono sempre coinvolti i genitori o chi ne fa le veci per la firma del consenso informato al trattamento dei dati personali e sensibili per le finalità diagnostiche e terapeutiche. Il percorso prevede una fase di valutazione e la successiva fase di presa in carico del bambino/adolescente e dell'intero sistema familiare.

L’ambulatorio Autismo opera il mercoledì: in mattinata vengono svolte le prime valutazioni o i controlli; a seguire i casi vengono analizzati in equipe. Gli interventi di valutazione clinica includono:

  • colloqui con i genitori per effettuare una approfondita raccolta anamnestica
  • valutazione psicodiagnostica e/o cognitiva/neuropsicologica attraverso l'utilizzo di test standardizzati e questionari clinici di auto-somministrazione
  • osservazione di gioco/comportamentale sia presso il servizio di NPIA territoriale, sia, in alcuni casi, presso il contesto educativo in cui quotidianamente è inserito il bambino (asilo nido, scuola dell'infanzia, ludoteche)
  • valutazione logopedica e osservazione psicomotoria

Al termine della fase di valutazione si effettua un colloquio di restituzione dei risultati con entrambi i genitori: si chiarisce l'inquadramento diagnostico, l'appropriatezza della presa in carico presso la UONPIA, si definisce il conseguente percorso di trattamento.

Nel trattamento successivo lo Psicologo può prevedere:

  • monitoraggio clinico mediante colloqui psicologici periodici con i genitori
  • ciclo di colloqui di sostegno psicologico o psicoterapia al sistema familiare e/o all'adolescente
  • collaborazione con le scuole o altre agenzie del territorio
  • supervisione ai terapisti coinvolti nella presa in carico del bambino
  • controlli longitudinali del bambino mediante rivalutazioni con test standardizzati;
  • parent training per genitori di bambini con prima diagnosi di disturbo dello spettro autistico.

Inoltre, per genitori di adolescenti prossimi alla maggiore età affetti da disturbo dello spettro autistico - così come più in generale per adolescenti con disabilità complesse - è previsto l'accompagnamento dell'intero sistema familiare per la costruzione di progetti di vita attraverso protocolli assistenziali specifici per ogni singolo caso.

La proposta di intervento viene condivisa e concordata con i genitori, attuata su loro consenso, e definita sulla base del quadro funzionale emerso in sede di valutazione.

  • Psicologi

Olga Capone, Mara Patrini

La UONPIA è un servizio che si occupa ambulatorialmente della prevenzione, diagnosi e cura dei disturbi neuropsichici e psicologici in età evolutiva (0-18 anni). Lo Psicologo vi opera in Equipe multidisciplinari che lavorano in modo integrato.

  • Sede erogativa

UONPIA Unità Operativa di Neuropsichiatria della Infanzia e Adolescenza

Via Sinigaglia 10, Crema (CR) | Tel. 0373257833

Orario: dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 16:30

  • Modalità di accesso

Il servizio è offerto ad adolescenti con età compresa tra i 14 e i 18 anni. L'invio al servizio può avvenire direttamente su richiesta dei genitori dell'adolescente o su indicazione del pediatra o medico di famiglia o di altre agenzie del territorio (scuola, consultorio, altro specialista). E' sempre necessario il consenso degli esercenti la responsabilità genitoriale.

Per l'accesso alle prestazioni è necessaria una impegnativa medica che, in assenza di quella del medico di famiglia, deve essere predisposta da un medico della U.O.

Le richieste possono essere portate direttamente, presentandosi alla segreteria della UONPIA; oppure telefonando negli orari di apertura, richiedendo una consulenza o di avviare un iter diagnostico multidisciplinare per il quesito presentato.

Le situazioni che vengono assunte in carico riguardano la presenza di elementi psicopatologici indicativi di un disturbo psichico primario o in comorbidità con altro disturbo del neurosviluppo (Disturbi Psicotici, Disturbi dell'Umore, Disturbi d'Ansia, Disturbi da Sintomi Somatici, Disturbi dell'Alimentazione, Disturbi del Comportamento). Le prestazioni sono esenti da ticket sino al compimento dei 18 anni.

  • Il Percorso

Nella UONPIA è attivo un Gruppo di lavoro multidisciplinare per gli adolescenti. Gli operatori che ne fanno parte valutano in Equipe la tipologia di richiesta e individuano i professionisti più indicati per rispondervi, di solito un neuropsichiatra e uno psicologo. Nei percorsi sono sempre coinvolti i genitori o chi ne fa le veci.

Il percorso prevede una prima fase di consultazione e valutazione e una eventuale presa in carico successiva. Gli interventi di valutazione psicologica che vengono messi in atto possono includere:

  • colloqui psicologici individuali con l'adolescente
  • colloqui con i genitori;
  • colloqui familiari;
  • valutazione psicodiagnostica e/o neuropsicologica anche attraverso l'utilizzo di test.

Al termine della valutazione, l'Equipe multidisciplinare definisce l'inquadramento diagnostico complessivo e ne dà restituzione all'adolescente e ai genitori. Se vi è una indicazione clinica, viene formulata una proposta di intervento, che viene condivisa e concordata con i genitori, e attuata con il loro consenso. Per quanto attiene allo psicologo, il trattamento può prevedere:

  • cicli di sostegno psicologico
  • psicoterapia individuale
  • psicoterapia familiare
  • eventuale collaborazione con le scuole o altre agenzie del territorio
  • eventuale integrazione con le altre Unità Operative del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze.
  • Psicologi

Bozzetti Chiara, Capone Olga, Ferrari Clara, Fusari Alessia, Mussini Elisa, Spaggiari Stefania,Tadini Marco.