L’Ospedale Maggiore tra i primi in Europa nella formazione per la qualità della Gastroscopia

L’Ospedale Maggiore tra i primi in Europa nella formazione per la qualità della Gastroscopia

05 giugno 2019

Comunicato stampa

L’Ospedale Maggiore tra i primi in Europa nella formazione per la qualità della Gastroscopia

Advanced Endoscopy Training in Diagnosis and Therapy: un corso avanzato per migliorare la qualità dell'endoscopia digestiva superiore. L’Ospedale Maggiore tra i primi in Europa nella formazione per la qualità della Gastroscopia.

La qualità richiede impegno…è vero in tutti i campi…ma l’impegno per la qualità delle procedure endoscopiche è l’impegno per la salute dei pazienti e, nel caso della gastroscopia, per la prevenzione e la diagnosi precoce del cancro di esofago e stomaco.

Negli ultimi 2 decenni i gastroenterologi hanno compiuto sforzi considerevoli a livello internazionale per migliorare la qualità della colonscopia. Nello stesso periodo di tempo, la qualità della gastroscopia è stata relativamente trascurata nel mondo occidentale, mentre nei paesi asiatici, che hanno incidenza elevata di cancro gastrico, è stata dedicata una grande attenzione al miglioramento della gastroscopia.

D'altra parte oggi il mondo occidentale ha una maggiore consapevolezza del problema delle diagnosi endoscopiche mancate di cancro gastrico: ci si rende molto più conto dell'importanza della sorveglianza delle lesioni preneoplastiche dello stomaco. Contemporaneamente sono ora disponibili tecnologie endoscopiche molto più sofisticate, che consentono la rilevazione di minime anomalie della mucosa del tubo digerente.

La strada da percorrere negli anni a venire è dunque verso la qualità della gastroscopia che richiede la definizione di standard di riferimento, e l’addestramento continuo a conformarsi ad essi, con la misurazione degli indicatori chiave delle prestazioni, come ad esempio il tempo di esecuzione dell’esame: la gastroscopia non deve essere eseguita velocemente, e un tempo minimo di ispezione di 7 minuti deve essere garantito.

La migliore performance della gastroscopia richiede un team di gastroenterologi endoscopisti e personale infermieristico addestrato e motivato alla ricerca costante della qualità.

Il corso Gastroquality - Advanced Endoscopy Training in Diagnosis and Therapy, promosso dalla struttura complessa di Gastroenterologia ed Endoscopia digestiva di Crema, è volto precisamente a promuovere prestazioni di qualità nell'endoscopia gastrointestinale superiore, la gastroscopia, con lezioni teoriche, assistenza ad esami endoscopici, ed il video training.

La prima parte del corso si è svolta dal 30 al 31 maggio, con la partecipazione vivace e molto motivata di colleghi italiani e europei. La seconda parte si svolgerà nel mese di novembre.

Il corso fa parte delle attività di insegnamento svolte dall’Unità Operativa, che è sede della Scuola Europea di Endoscopia digestiva, e della Scuola Italiana di Metodologie avanzate in ecografia dell’apparato digerente.

“Consideriamo lo sforzo verso la gastroscopia di qualità una priorità per i gastroenterologi italiani, e occidentali in generale - ci dice la dott.ssa Elisabetta Buscarini, recentemente eletta Presidente della Federazione Italiana Società Malattie dell’Apparato Digerente, e Direttore della UOC Gastroenterologia di Crema - poiché sappiamo che dobbiamo mettere in campo tutti gli sforzi e tutta la migliore tecnologia per ottenere le diagnosi più accurate e più precoci possibili per le malattie di esofago e stomaco; tanto importante anche nei paesi occidentali, soprattutto in aree come la nostra ad elevata incidenza di tumore dello stomaco. Abbiamo ideato questo corso proprio per far crescere la consapevolezza e la capacità di effettuare esami gastroscopici di qualità, ed abbiamo trovato una risposta entusiastica nei colleghi che partecipano.

Dopo decenni di utilizzo della gastroscopia, i gastroenterologi occidentali hanno iniziato il percorso verso una standardizzazione della qualità di questo esame: un percorso importante, che sosteniamo come team di medici ed infermieri con molto impegno”.

Docenti

Elisabetta Buscarini, Guido Manfredi, Saverio Alicante, Claudio Londoni, Elena Iiritano, Angelo Zullo (Ospedale Nuovo Regina Margherita di Roma)

Responsabile della pubblicazione: Ufficio Comunicazione
Ultimo aggiornamento: 12/06/2019