News ed Eventi

05NOV2018

CAMPAGNA VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE 2018-2019

A partire dal 5 novembre prende avvio la campagna di vaccinazione antinfluenzale presso gli studi dei Medici di Medicina Generale che aderiscono al progetto ed il Centro Vaccinale dell'ASST.

Obiettivo primario della vaccinazione antinfluenzale è la protezione dei soggetti che, in caso di infezione, potrebbero riportare più gravi complicanze:

La campagna è rivolta principalmente ai soggetti di età pari o superiore a 65 anni, alle persone di tutte le età con alcune patologie di base che aumentano il rischio di complicanze in corso di influenza, alle persone non a rischio che svolgono attività di particolare valenza sociale. La vaccinazione è offerta in modo gratuito alle persone che rientrano nelle seguenti categorie raccomandate:

  1. Soggetti di età pari o superiore a 65 anni (nati nell'anno 1953 e precedenti)
  2. Bambini di età superiore ai 6 mesi ed adulti, affetti da patologie croniche, quali:
  • malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio (inclusa l'asma grave, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica, la broncopatia cronico ostruttiva - BPCO)
  • malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite
  • diabete mellito e altre malattie metaboliche (inclusi gli obesi con BMI >30)
  • malattie renali con insufficienza renale
  • malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
  • epatopatie croniche
  • tumori
  • malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali
  • patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici
  • patologie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari).
  1. Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale
  2. Donne che si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza all'inizio della stagione epidemica
  3. Persone residenti presso strutture socio-sanitarie, per anziani o disabili
  4. Medici e personale sanitario di assistenza, personale di assistenza case di riposo ed anziani a domicilio, volontari dei servizi sanitari di emergenza
  5. Persone conviventi con soggetti portatori di patologie di cui al punto 2
  6. Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali (suini e volatili) che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani (certificati dal medico competente: addetti alle attività di allevamento, addetti al trasporto di animali vivi, macellatori e vaccinatori, veterinari pubblici e libero-professionisti)
  7. Forze di Polizia e Vigili del Fuoco
  8. Donatori di sangue

 

QUESTE CATEGORIE POSSONO RIVOLGERSI :

  • AL MEDICO DI MEDICINA GENERALE O PEDIATRA DI LIBERA SCELTA
  • Al Servizio Vaccinazioni ASST Crema

ACCESSO LIBERO

AMBULATORIO  ANTINFLUENZALE ADULTI Crema - Via Gramsci, 13

dal 10 dicembre il Martedì 8:30 - 10:00

Vaccinazione a pagamento - Dal 01 Dicembre fino ad esaurimento vaccini, nella sede vaccinale di Via Meneghezzi 14 a Crema, il lunedì e mercoledì pomeriggio dalle 13:30 alle 15:30.

- Ricordarsi di portare la Tessera Sanitaria

- Per le categorie a rischio per patologia, ricordarsi di portare il tesserino di esenzione o la richiesta del Medico di famiglia o altra documentazione sanitaria

Contatti - Per informazioni:  0373-218577 dal lunedì al venerdì dalle 08.30 alle 12.00 vaccinazioni@asst-crema.it

Per approfondimenti visita la pagina dedicata alla Vaccinazione Antifluenzale di ATS della Val Padana Regione Lombardia

Oltre alla vaccinazione, che costituisce un fondamentale strumento di prevenzione dell’influenza e delle sue complicanze, la trasmissione dei virus influenzali può essere contenuta adottando delle semplici misure comportamentali:

  • Lavaggio frequente delle mani
  • Buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, usare fazzoletti monouso e lavarsi le mani)
  • Isolamento volontario a casa in caso di malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale